Ezechiele 37:1-14

Dalle ossa sparse nella valle, al corpo ritrovato nel blues: il valore del lavoro corporeo per contattare l’auto-sostegno in psicoterapia. Quando il profeta Ezechiele arriva nella valle di ossa inaridite, Dio lo rassicura e lo invita a preannunciare che quelle ossa sparse verranno risuscitate e ricomposte in un unico corpo. Questo passo parla del popoloContinua a leggere “Ezechiele 37:1-14”

Principianti e in buona salute

“I’m an absolute beginner And I’m absolutely sane As long as we’re together” cantava David Bowie riferendosi, forse, alla fede verso se stesso, verso la propria creatività poliedrica. Immagino così la terapia: un luogo per inaugurare, amplificare e custodire la fede verso noi stessi. Cosa può creare una persona che non è un artista comeContinua a leggere “Principianti e in buona salute”

‘Dipinti che non vorresti guardare’

Rothko dichiarava di voler realizzare ‘Dipinti che non vorresti guardare’; jung ha parlato di ombra in termini simili: verso di lei non vogliamo volgere lo sguardo parentele tra arte astratta e ombra Ho cominciato la mia ricerca sull’esperienza estetica più di 10 anni fa, ipotizzando che lo spettatore prova sensazioni corporee diverse in base allaContinua a leggere “‘Dipinti che non vorresti guardare’”