Unfinished Business

In Gestalt Therapy l’espressione “unfinished business” si riferisce a una situazione incompiuta e irrisolta, un’esperienza incompleta. Quel chiodo fisso notte e giorno o uno schema relazionale in cui sei bloccato o… una contrattura alla schiena.

La terapia è una di quelle esperienze che aiutano a concludere nel qui&ora queste dinamiche rimaste in sospeso. Prima di tutto, però, bisogna identificare cos’è rimasto a metà e renderlo cosciente. Per poi scoprire (forse) che esistono solo unfinished business e non è una cattiva notizia. Forse Jung si riferisce proprio a questo quando scrive Simboli della trasformazione. Il “business” non si chiude mai, si trasforma continuamente.

Domande aperte su arte, relazioni, contemporaneità.

Ultimi Articoli

Rebel with a cause. Perché non sarò mai “uno bravo”

Quando giorni fa sono inciampata in un post sponsorizzato sull’ansia di una delle infinite app che offrono counseling psicologico, non ho potuto contenere la mia perplessità. Il post diceva “come eliminare l’ansia in 1 minuto” e, scorrendo, la schermata successiva “pesce d’aprile: non puoi!”. Il marketing è una cosa seria e in effetti post simili […]

Gocce di psiche | «Autumn leaves»

Depressione, ansia, rimuginazione, senso di solitudine, sconforto, smarrimento, paura. Noi esseri umani possiamo provare le emozioni più avversive e attraversare stati d’animo estremamente spiacevoli. Davanti a questa complessità, a volte ci sentiamo rispondere da una parte dentro di noi (o da qualcuno intorno a noi) che svaluta il nostro vissuto, ci colpevolizza o – peggio […]

Gocce di psiche | Dubbio e consapevolezza

Maggiore il dubbio, maggiore la consapevolezza; minore il dubbio, minore la consapevolezza. Nessun dubbio, nessuna consapevolezza. C.C. Chang, The Practice of Zen A volte ci raccontiamo e ci imprigioniamo in scenari negativi, basati sulle aspettative costruite sulle esperienze passate. Mettere in dubbio questi scenari, ancor prima di agire concretamente, significa già moltissimo: mi permetto di […]

Cinema e Psiche | Au revoir Belmondo

Fino all’ultimo respiro ovvero: cambiare l’aria del cinema per sempre. Con À bout de souffle, nel 1960, Godard sancisce il passaggio al nuovo cinema rischiando proprio tanto quanto il protagonista del film manifesto della Nouvelle Vague. La visione di Godard introduce innovazioni cinematografiche rivoluzionarie figlie della spavalderia di classe che lo contraddistingue. Ad esempio, colloca […]

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.